Home pageHome Page | Glossario | FAQ (Domande Frequenti)

Prova gli strumenti

Piano di ammortamento francese
Strumenti per il calcolo del risparmio fiscale di ammortamento francese Strumenti per il calcolo del mutuo a partire da una rata prefissata Calcolatrice  per il calcolo del TAEG o ISC

Prestiti per l'arredamento

Oggigiorno troviamo prestiti e finanziamenti per fronteggiare ogni evenienza.

L'offerta di istituti di credito e società finanziarie è estremamente variegata. La crisi finanziaria ha sicuramente contribuito allo sviluppo di queste nuove forme di finanziamento, visto che fino a 10 - 15 anni fa, si era abituati ad acquistare in contanti, ricorrendo ai finanziamenti esclusivamente per le spese più ingenti come un'auto o una casa, accendendo un mutuo.

In casi di ristrettezza economica, fino a qualche tempo fa, vigeva il costume di saldare i propri debiti attraverso la sottoscrizione di cambiali mensili.

Oggi parleremo del prestito per l'arredamento, il finanziamento ideale per chi ha necessità di personalizzare la sua casa, rinnovarne l'arredamento.

Il prestito per l'arredamento è di certo il finanziamento perfetto per tutte le neo coppie che si ritrovano ad avere forti ristrettezze economiche dopo aver sostenuto le spese per il matrimonio o magari dopo aver acceso un mutuo per l'acquisto della loro prima casa e che, tuttavia, necessitano di arredare la propria abitazione.

Oggi è infatti possibile godere di un piano rateale per acquistare i mobili della propria abitazione, dalla cucina all'arredamento, utile anche nel caso in cui si desideri ristrutturare il garage, ritinteggiare la casa, etc.

Nei finanziamenti per l'arredamento, infatti, rientrano anche tutti quei prestiti personali richiedibili quando si ha la necessità di eseguire piccoli lavori di manutenzione o ristrutturazione della propria abitazione (ritinteggiatura della casa, ristrutturazione delle tubature, lavori di muratura, etc).

Il saldo della somma avviene direttamente in soluzione unica ed in genere è possibile richiedere cifre attorno ai 60.000 euro. Nella stragrande maggioranza dei casi, il finanziamento viene erogato a tasso d'interesse fisso.

In determinati casi è possibile sottoscrivere la cessione del quinto dello stipendio  / cessione del quinto della pensione. In genere non sono previste spese d'istruttoria anticipata e solo nel caso in cui la cifra richiesta sia particolarmente elevata è richiesto l'intervento di una seconda persona a far da garante.

I finanziamenti finalizzati all'acquisto di arredamento possono offrire una copertura parziale come totale della spesa da eseguire, in base alle preferenze del contraente.

I pezzi di arredamento possono essere comprati in qualsiasi esercizio commerciale. Il prestito per l'arredamento può essere erogato ai liberi professionisti, lavoratori dipendenti, pensionati e tavolta anche a cattivi pagatori e protestati.

Per richiedere un prestito per l'arredamento, così come per tanti altri finanziamenti, è indispensabile possedere un reddito certificato.

Conclusioni finali sui prestiti per l’arredamento

Arredare casa di questi tempi è divenuta una spesa tutt’altro che di poco conto. Del resto non tutti si accontentano di mobili economici, anche a ragion veduta, visto che la casa è il posto dove si trascorre la maggior parte del tempo quando non si è a lavoro. Senza contare che con l’arrivo dei bambini, è fondamentale donar loro un habitat accogliente dove crescerli in armonia. Ecco dunque che diviene più che lecito investire somme importanti per abbellire la propria casa il più possibile. Per fortuna i finanziamenti per arredare casa oggi non mancano di certo, l’offerta è variegata, eterogenea con tassi d’interesse molto interessanti.